Il sacrificio


All'interno del Kodokan, fra le tecniche di lancio o nage waza, c'è un gruppo di tecniche chiamate Sutemi Waza, che si può tradurre con "tecniche di sacrificio".

Con questo nome si intendono tecniche in cui tori cade a terra con lo scopo di proiettare, o meglio lanciare, uke.


Le tecniche di sacrificio sono funzionalmente poco utili, se si pensa alla difesa personale da strada, mentre contengono elementi tecnici di grande importanza. Si basano sull'applicazione di due concetti fondamentali: lo sbilanciamento e le linee.

Infatti tori, quando applica una tecnica di sacrificio, deve accorciare la distanza con uke e posizionarsi in modo da cadere lungo una linea che genera un disequilibrio per uke, il quale non può far altro che seguire la tecnica trascinato dal peso di tori.


Come esempio di studio, prendiamo tomoe-nage. Tori accorcia la distanza verso uke frontalmente, poi si accuccia davanti a lui eseguendo il movimento tipico della caduta all'indietro ( ushiro ukemi ). Mentre trascina l'avversario sopra di sé, con la gamba libera lo colpisce all'addome e lo spinge verso l'alto sostenendolo durante il lancio.



Qual è secondo voi il segreto per eseguire i sutemi waza in sicurezza, senza che uke cada malamente a terra?


Lo scopriremo a lezione!

#jujitsu #tecnica #studio #distanze #sacrificio #autocaduta #lancio #sbilanciamento #nagewaza #waza #sutemiwaza

Featured Posts
Posts Are Coming Soon
Stay tuned...
Recent Posts
Archive
Search By Tags
No tags yet.
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square